sabato 5 gennaio 2008

UN BUON INIZIO

Al ritorno dalle feste apro la mia Gmail ed oltre a dei graditissimi complimenti di Gud, trovo un commento di pizzeriacalcutta! Incuriosito lo leggo…ERA IL RAGAZZO DEL RISCIO’ al quale avevo dedicato il post “comicità roma"!
Non so come sia possibile, che giri abbia fatto questo post, chi l’abbia letto per arrivare a lui, ma penso che questa cosa sia incredibile, un bellissimo regalo di natale!
Questa è la sua gentilissima risposta:

ciao ragazzi, sono Rocco, quello del risció alla stazione trastevere. volevo innanzitutto ringraziarvi per la vostra ospitalitá e simpatia nelle mie prime, traumatiche ore nella cittá eterna, e cogliere l'occasione per fare alcuni commenti ai vostri commenti:

1- All'amico anonimo:

il fastidio che qualche automobilista puo aver provato a dover decelerare per 1 veicolo lento non é mai cosí grande come il fastidio che ho provato io in quelle tremende due ore fra torrimpietra e roma a dover tenere una certa andatura per via di migliaia di veicoli troppo veloci.

caro amico anonimo, forse non ti sei accorto che quella che tu percorri a 120 all'ora non é un'autostrada, bensí una strada statale (SS1 aurelia), e che é purtroppo l'unica strada che collega direttamente Civitavecchia a Roma. Per evitare di avere a che fare con certi pirati della strada al ritorno verso civitavecchia ho provato a prendere un'altra strada, cioe quella portuense, allungando cosí di molto il mio percorso, ma la gente lungo il tragitto mi ha consigliato di ritornare sull'aurelia, perché altrimenti avrei incontrato dei pericoli ancora maggiori. Forse mi sapresti consigliare cosa fare la prossima volta che devo andare da Torrimpietra a Roma? ti ringrazio per il tuo commento.

2-

I miei parenti sono effettivamente delle persone stupende e nei tre giorni successivi a quando é stata scattata questa foto mi hanno ospitato come un dio in terra. I definitiva ho tanti be ricordi di quella sosta a Roma. Certo l'arrivo éstato per me un bel po' traumatico. Purtroppo sono infatti arrivato a Roma una notte prima del previsto, poiché non ho trovato fra ladispoli e roma un posto dove pernottare che offrisse dei prezzi umani, e quegli zii mi aspettavano solo per il giorno dopo. Se avessi saputo in anticipo che a Roma un albergo ti lascia morire di freddo fuori della porta piuttosto che darti un letto per un prezzo inferiore ai 80 euro forse sarei rimasto ad ogni costo da loro dormendo sul tavolo della cucina, invece di passare la notte fra tutta quella gente strana che gira di notte intorno a Trastevere! ma devi anche considerare che se avessi parcheggiato fuori del palazzo sul suolo pubblico, la mattina dopo ne avrei trovati due di tricicli... forse che ora sono vaccinato a questa scittá de latri?

3-In quanto alla triste vicenda, ormai lontana nel tempo, posso dire solo una cosa: é da stupidi prendere alcool o altre droghe quando si sa di dover poi fare della strada di notte da soli. é successo a Roma ma poteva succedere in qualunque posto del mondo. Certo, con i carabinieri a un tiro di schioppo che volutamente o meno lasciano fare accade forse solo a Roma e Milano. Vi devo raccontare come mi hanno fatto la valigia a Milano centrale 3 anni fa?

Ad ogni modo il mio viaggio é felicemente andato avanti in nave fino a palermo e poi da lá lungo la costa sicula fino in calabria, dove ho parcheggiato per l'inverno. Al'inizio pensavo anch'io che fosse un cosa incredibile, viaggiare cosí... ora mi stupisco sempre di piú di come la gente di solito consideri strana o pazzesca questa cosa. Insomma, ci sono cose DAVVERO strane intorno a noi, tipo il canone della televisione, o uomini che si fanno due tre pacchetti di sigarette al giorno...

a presto amici e grazie ancora!.

Dio vi benedica

http://www.felicitaabassoconsumo.net/

3 gennaio 2008 3.13

Ovviamente mi sento nel dovere di rispondere:
Per prima cosa mi scuso se ho dato l’impressione di voler offendere i tuoi parenti, non conoscendoli, non mi permetterei. Ma il post e i post su trastevere sono comunque “romanzati” e resi più comici possibili in modo da invogliarne la lettura!Spero che cmq non ti sia dispiaciuto e ti ripeto che la tua risposta è un bel regalo per il blog e per il nuovo anno!
Grazie per l’idea.. un bel post su chi paga il canone Rai lo dovrei fare :D!
Tienici aggiornati e buon viaggio!

Qui trovate gli aggiornamenti del viaggio e le motivazioni che spingono un uomo a compiere un impresa!!

PS:Se ci vuoi raccontare di quando ti hanno rubato la valigia a Milano fai pure ;)!

6 commenti:

ANONIMO ITALIANO ha detto...

Come è piccolo il web io direi....la grande rete mondiale in fondo è un piccolo paese dove tutti sanno tutto, dove le informazioni girano ad una velocità inaspettata...tanto quanto l'e-mail che ha mandato Rocco...alla quale io però voglio ribattere.
La sua idea innovativa ha suscitato ilarità in chi ha potuto venire a conoscenza di quanto accaduto...me compreso!Nessuno voleva offendere nessuno, Rocco! Certo ammetterai che è bislacco andare in giro su un risciò per noi schiavi del petrolio, penso piuttosto che la chiave di lettura della sua impresa non sia in un ritorno al "pedale" come mezzo di trasporto quanto uno spronare la popolazione a lottare per ottnere l'utilizzo di fonti di energia rinnovabili per i mezzi di trasporto...credo nel progresso e credo che il malcontento che stiamo attraversando in questi anni ci porterà a qualche passo avanti come società. Concludendo, per cercare di rimanere in tema con il blog e con il mio commento, riporto una citazione: - Ricordare il passato serve per il futuro, così non ripeterai gli stessi errori: ne inventerai di nuovi (Groucho Marx:)

Emilio ha detto...

come spigne st'anonimo :D!

chiara ha detto...

Che giri strani che fa questo blog!!!!ti ha risposto "Rocco" un tipo visto una sera dal baffo!!!ma!!!!:-)!!!! un bacio!!!!

Emilio ha detto...

strani giri ;)!

Anonimo ha detto...

ciao LEche, ciao Anonimo italiano, ciao a tutti, sono ricapitato su questo simpatico blog, e mi scuso se sono sempre fin troppo serioso, ma sai com'è.. quando intorno a te tutti sono easycool ti viene di assumere un po' il ruolo del bacchettone.. continuando sulla stessa linea: attenzione! "progresso" non significa meccanizzare tutto. questo é il passato, e abbiamo visto che portato agli estremi come é stato fin ad oggi non é tutto rose e fiori. Neanche io parlerei esattamnte di "ritorno al pedale" per il futuro: la tecnologia di spostarsi in bicicletta infatti non é stata mai sfruttata del tutto, scalzata nel nascere dalla per gli industriali ben più danarosa tecnologia dei motori. Restiamo pure a Roma, e leggiamoci insieme due siti romani, rotafixa.it e movimentofisso.it, o se vogliamo andare molto a monte della questione possiamo leggere il breve testo di Ivan Illich "elogio della bicicletta", anche noto come "energia ed equitÀ". Tutte queste cose le trovate sul sito che ho finito di scrivere
www.felicitaabassoconsumo.net , e se cercate un po' piu attentamente nella parte dedicata a milano, c'é anche un flashback sull'episodio della valigia a milano centrale. buon divertimento!
PS: ho linkato anche il "blog trasteverino" al mio sito.

Anonimo ha detto...

Yes indeed, in some moments I can phrase that I approve of with you, but you may be in the light of other options.
to the article there is quiet a question as you did in the fall efflux of this demand www.google.com/ie?as_q=my drivers professional edition 3.31 ?
I noticed the catch-phrase you suffer with not used. Or you partake of the dark methods of inspiriting of the resource. I have a week and do necheg